Home / Cattivi Pagatori / Prestiti Cambializzati Veloci Anche Online

Prestiti Cambializzati Veloci Anche Online

Quando si ha necessita di accedere rapidamente ad un finanziamento ma non si riesce ad ottenere un comune prestito personale si fa spesso riferimento ai prestiti cambializzati veloci anche online.

Prima di capire il loro funzionamento cerchiamo di spiegare per quale motivo sono tanto richiesti ed hanno un valido successo nel mondo finanziario. Sicuramente la parola veloce deriva dal fatto che chi ha bisogno di liquidità, nella maggior parte dei casi, necessita del denaro in maniera quasi immediata.

Prestiti-Cambializzati-Veloci

Pertanto, ove possibile, il richiedente fa di tutto per ottenere il proprio finanziamento in tempi rapidissimi. Ma per quale motivo si ricorre ai prestiti cambializzati? Si tratta di finanziamenti che stavano andando fuori moda con l’aumentare delle richieste di cessione del quinto e dei tradizionali prestiti personali.

La crisi economica che attualmente investe il nostro Paese però ha spesso giocato dei “brutti scherzi” a molte famiglie italiane. Chi aveva aperto un finanziamento tradizionale e si è trovato tutto ad un tratto senza lavoro o non è riuscito a sostenere tutti gli aumenti che ci sono stati nei beni di prima necessità si è trovato in difficoltà nelle modalità e nei tempi di rimborso. Quando non si paga una rata di un finanziamento o non la si rimborsa entro la data stabilita le banche possono richiedere che il proprio cliente venga iscritto in un pubblico registro chiamato Crif, denominato anche con il termina centrale dei rischi. In tale registro vengono iscritti tutti coloro che risultano essere stati cattivi pagatori. E proprio questa iscrizione che non permette più a tali soggetti di ottenere nuovamente un credito tramite un’istituto di credito o una banca.

Il cattivo pagatore, così come il protestato, vede quasi sempre la propria richiesta di un prestito personale respinta proprio perchè le banche prima di concedere un finanziamento controllano se il richiedente è iscritto presso il Crif. Le vie di uscita a questo punto sono due: la cessione del quinto e il prestito cambializzato. La cessione del quinto però può essere richiesta solo e soltanto da coloro che possiedono una busta paga o una pensione. Il suo funzionamento è particolarizzato dal fatto che a rimborsare mensilmente quanto dovuto non sarà il cliente ma il suo datore di lavoro o il suo ente pensionistico. Chi invece non possiede un lavoro, è un lavoratore autonomo o non possiede un regolare contratto di lavoro quindi è privo di busta paga e risulta essere un cattivo pagatore o un protestato può solo rivolgersi a quelle società finanziarie che propongono i prestiti cambializzati.

Alcune di esse riescono ad erogare il denaro entro 48 ore e proprio per questo motivo si parla di prestiti cambializzati veloci. Quello che caratterizza questa forma di credito è il metodo di rimborso. Esso infatti avviene tramite il pagamento di una cambiale invece della tradizionale rata. Ed è proprio la funzionalità della cambiale che permette anche ai protestati e a chi è iscritto presso il Crif e risulta essere quindi un cattivo pagatore di poter usufruire nuovamente di un finanziamento.

La cambiale infatti è un titolo esecutivo pertanto qualora il cliente dovesse essere insolvente la banca potrà richiedere il pignoramento e successivamente la vendita dei beni del cliente per poter recuperare l’importo necessario atto a saldare il suo debito. Proprio per questo, per poter usufruire di questa forma di credito è necessario presentare delle garanzie reali o in alternativa richiedere il prestito insieme all’ausilio di un garante. In questo caso il garante si fa carico di rimborsare il debito qualora il cliente non fosse più in grado di farlo con le proprie possibilità economiche. Data la posizione delicata che si va a ricoprire, la figura del garante è quasi sempre occupata da un amico molto stretto o da un parente.

Ogni qual volta che il cliente pagherà una cambiale questa gli verrà restituita ed il debito sarà dichiarato estinto quando egli tornerà in possesso di tutti i titoli firmati. Qualora la richiesta di finanziamento fosse accettata, è possibile ottenere il denaro richiesto entro 48 ore dalla presentazione dei documenti richiesti dalla banca.